giovedì 29 marzo 2018

Musica Napoletana: A VONGOLA versi Giovanni Capurro musica Vincenzo Di Chiara

A Nina
A VONGOLA
Versi di Giovanni Capurro
Musica di Vincenzo Di Chiara
Piedigrotta 1892
Dint' o vic 'e curtellare
Se diceva 'a tutte quante
Ca pe' mezzo 'e nu birbante...
Che sacc i mo'...
Ch'iva muri'
bell accussi'!
Ma vedite che nce  azzecca
'Stu muri' p'a'  passione,
quanno maie unu cazone
t'e' avastato, Caruli'?!
Chesta è 'na vongola
quant'a 'na congola,
propeta mascula
p' 'a nuvita'
Chesta è 'na vera
Vongola fina,
Cchiu' masculina
nun ce po sta.
Tu pa primma ogni mumento,
ive attuorno e mme sparlave,
cu 'e  ghiastemme che menave:
" Llaggia vede'
c'adda scula',
ll' hann ' a  squarta'!"
E tenive sempe nfrisco
cinco o sei fora quartiere,
po dicive ca 'o penziere
Steva sempe ncuollo e me!
Chesta è  'na vongola ecc.
Gennarino 'o stagnariello,
Mezacanna e 'o figlio 'e Tata,
tutte 'e tre t'hannu lassata;
Pecche' cu te,
mo simmo lla,
neh,  ch' hann' a fa?
Si quaccuno t' addimmanna
tuorne a fa Santa Nchiastella!
bene mio pe' 'sta zetello
n'ommo buono nun ce sta ?!
Chesta è  'na vongola ecc.
Canzone buffa sulle bugie femminili*
*Storia della canzone napoletana: 1824-1931Di Pasquale Scialo


Posta un commento