martedì 29 dicembre 2009

Caccia nella Riserva Foce-Sele-Tanagro

Caccia nella Riserva Foce-Sele-Tanagro
Sei cacciatori sorpresi nell’area protetta: scatta la denuncia penale e il sequestro delle armi

Durante la mattinata di domenica scorsa le Guardie Ambientali del Nucleo Provinciale del WWF Salerno hanno avviato una serie di controlli nell’area della Riserva Regionale Foce-Sele-Tanagro tra i territori di Serre, Eboli e Altavilla Silentina. Proprio alle prime luci dell’alba sono stati fermati sei cacciatori in tre punti diversi, tutti intenti ad esercitare l’attività venatoria in piena area protetta, cioè entro i 150 metri di distanza dalle sponde fluviali, che delimitano i confini della Riserva. L’operazione è poi continuata presso la caserma dei carabinieri di Borgo Carillia, coordinata dal magg. Risi, dove l’App.to scelto Mario Piecoro ha provveduto ad effettuare il sequestro delle armi e la comunicazione all’Autorità Giudiziaria per quanto di competenza.
L’attività è stata avviata in seguito alle numerose richieste di intervento di cittadini che amano la tutela dell’ambiente naturale, soprattutto quello fluviale, per la ricchezza di avifauna protetta, che soprattutto in questo periodo è solita migrare lungo il corridoio fluviale tracciato dai fiumi Sele, Tanagro e Calore Salernitano. Infatti, a differenza di quello che molti credono, la Riserva comprende l’intero corso dei fiumi Sele e Tanagro e parte del Calore Salernitano, cioè il tratto che non rientra nel Parco Nazionale del Cilento.
La Riserva Foce-Sele-Tanagro è probabilmente uno degli ambienti naturali più importanti dal punto di vista naturalistico dell’intera Provincia di Salerno e il recente ritrovamento di un giovane esemplare morto di lontra (specie in via di estinzione) in territorio di Oliveto Citra, ne testimonia ulteriormente le immense potenzialità. Per questo motivo quest’area meriterebbe maggiore attenzione e una costante attività di vigilanza che possa preservarla almeno in parte dai continui attacchi di uomini senza scrupoli. Da parte del WWF Salerno – afferma il presidente Mario Minoliti – ci sarà sempre la massima attenzione alla conservazione di questi habitat così delicati, pur consapevoli che gli sforzi dei soli volontari sono assolutamente insufficienti a garantire il giusto grado di protezione.
Salerno, 28.12.2009 Ufficio Stampa - WWF Salerno
Posta un commento

SANTACECILIA TV