sabato 16 maggio 2009

MARIA ROSARIA IANNECE

DA UN COMMENTO PUBBLICATO SU: http://www.massimodelmese.net/
Caro elettore e carissima elettrice,la mia candidatura nasce come una scommessa. Non mi muove la brama di successo, non cerco la popolarità, non sono minimamente interessata al danaro, non miro al potere, no. E neppure mi spaventano le critiche di chi mi calunnia, riflettendo in me la propria avidità, le proprie disinibite ambizioni. Sono in gara, donna, con lo spirito dell’ “homo novus”, di chi si è fatto da sé, di chi non ha mai avuto esperienza politica, fra tanti che hanno speso una vita nella cosa pubblica, spesso senza conclusioni e obiettivi raggiunti. Non è la pace nel mondo che risolverò, non sarò io a dirimere le controversie internazionali, né a frenare la crisi economica. Una voce onesta in un coro di stonati può ben poco, specie quando, per uno strano gioco del destino, è agli stonati che tocca cantare di più, solisti. La decisione di candidarmi con l’UDEUR è dovuta al sostegno e alla fiducia che da sempre questo partito ha dato alle donne, nella loro difficile e lenta scalata all’emancipazione politica. Sono un’insegnante, ma prima di tutto una madre che tiene alla sicurezza dei propri figli nell’ambiente scolastico. Per il ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, “il problema della sicurezza nelle scuole italiane è una emergenza nazionale”. E la nostra Eboli non è certo un’eccezione, con i suoi edifici scolastici pericolanti e con servizi non funzionanti, che hanno costretto più volte all’interruzione delle lezioni. Benchè “Città della pace”, è noto a tutti quanto la microcriminalità assilli la tranquillità collettiva, cosicché i pomeriggi dei nostri giovani non risultano essere più sicuri delle loro mattinate scolastiche. Ebbene, io mi impegno. La mia parola sarà sempre in difesa dei giovani, saranno loro i protagonisti, più sicuri e con più speranze per il futuro. “Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari, ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità vedovanza, vecchiaia o in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà.” Così recita l’articolo 25 della Dichiarazione universale dei Diritti. E pensare che la nostra provincia figure in fondo alle classifiche nazionali per tenore di vita e sicurezza economica. I nostri oltre 8000 giovani ebolitani non hanno assistenze sociali valide, i nostri oltre 11000 anziani non hanno circoli ricreativi, luoghi caldi dove incontrarsi d’inverno, posti freschi dove fuggire il caldo afoso dell’estate, che li vede vittime principali. Ebbene, io mi impegno. Solleciterò chi di dovere ad intervenire, perché anche le fasce deboli della società vengano tutelate, con mezzi e, principalmente, con strutture adeguate ad essi e alla loro ricreazione. “Gli ultimi dati pubblicati dall’Organizzazione mondiale della sanità riguardo la Campania sono incredibili, parlano di un aumento vertiginoso delle patologie di cancro. Pancreas, polmoni, dotti biliari più del 12 per cento rispetto alla media nazionale. E le donne le più colpite. V’è un dato, però, uno in particolare, che lascia la bocca senza saliva. L’80 per cento delle malformazioni fetali in più rispetto alla media nazionale”. Così scrive Roberto Saviano. E questo ci fa preoccupare terribilmente. Anche questo sarà uno dei principi basilari della mia candidatura. Chiedo solo la vostra fiducia, incondizionata. Quella che chiede chi non ha da parte sua niente da offrire, perché non può ancora ostentare nessun curriculum politico, solo idee nuove, entusiasmo e tanto coraggio e correttezza, la stessa che dovrebbe contraddistinguere tutti i candidati. Il 6 e 7 Giugno ho scommesso su persone come te, che spero mi diano il sostegno e la stima necessari ad una persona che non promette parole ma fatti.Grazie! Cordiali saluti
Maria Rosaria Iannece
Posta un commento

SANTACECILIA TV