giovedì 24 aprile 2008

Mario conte replica a Polito sui fatti di coda di volpe e cava maiorano

Il consigliere Paolo Polito è poco informato. Ne saprebbe di più se avesse partecipato, con noi, a colloqui, incontri, trattative ed iniziative in favore del territorio e contro l’ipotesi di stoccare le ecoballe a Coda di Volpe».
La risposta al capogruppo consilare UDC arriva dal presidente del Consiglio comunale, Mario Conte (nella foto). «Voglio precisare a Polito - prosegue Conte - che il Comune di Eboli, attraverso i suoi rappresentanti istituzionali, ha indicato al Commissariato le alternative a Coda di Volpe, mai indicando, però, la cava Maiorano, ma solo alcune aree adiacenti al CDR».
E, sempre a proposito delle critiche piovute nelle ultime ore, il presidente del Consiglio comunale ricorda l’incontro avvenuto l’altra mattina presso la Commissione ambiente della Regione: «A causa dell’emergenza occupazionale creatasi presso lo stabilimento Pezzullo, il sindaco Melchionda non ha potuto rappresentare Eboli in Regione, essendo rimasto al fianco dei lavoratori ebolitani. L’assessore Infante, inoltre, era impegnato a Coda di Volpe per l’arrivo del magistrato dopo la requisizione dell’area.
Per questo motivo il Comune era rappresentato dal presidente del Consiglio comunale e dall’assessore Bello, che hanno portato presso la Commissione ambiente regionale la posizione condivisa da tutti coloro i quali hanno partecipato alle riunioni politico-amministrative ed ai confronti con la cittadinanza.
A Napoli abbiamo sostenuto ancora una volta che le uniche alternative a Coda di Volpe erano le aree adiacenti al Cdr, non altre, e che in ogni caso eventuali margini di dialogo si sarebbero riaperti solo se il Commissario avesse ritirato il provvedimento su Coda di Volpe. A questo punto, però, sarei curioso di conoscere le proposte di Polito, nel quale caso darebbe un contributo ai nostri sforzi, al di là di facili polemiche».
Posta un commento

SANTACECILIA TV